VIRTUALITY

a virtual explorer point of view

The Mainstreet in Sansar

Italiano

I’ve been exploring for a few days now Sansar, which gives me satisfaction.

As I anticipated in my post titled “That’s why (now) I like exploring Sansar,” it is essential not to make confusion between Sansar and Second Life. Comparing Second Life with Sansar means penalizing Second Life for the graphics and Sansar for the interaction and ease of use.

Right now I’m at The Mainstreet in Sansar. The Mainstreet is an experienceIn Sansar, user-created projects are called “experiences” and are equivalent to SL sims. With some differences that I will illustrate along the way. For now, I schematically anticipate some aspects, in particular:

  • Each user can create a maximum of 20 experiences (free of charge);When you enter in creative mode, you are in an environment very similar to that of the leading modeling software, such as Blender (to give an example): Experiences are built in two ways:

buying objects from the Sansar Store, or importing 3D objects from the outside in fbx format;

  • The experience is personal, and this means that you can customize your own experience, but not that of others.

The Mainstreet is the experience created by Alfy. In the introduction to the location on Atlas (the equivalent of Second Life Destinations, the showroom of the places on the platform) the creator writes:

I built this city to see how far we can push in Sansar, but I think we have no limits 🙂
City NY LA San Francisco New York

It is an experience that suggests to the mind the cities mentioned, namely New York, Los Angeles, and San Francisco. Personally, the experience brings me closer to the idea of San Francisco (the city I love).Particularly impressive is the “skyship” that guides the visitor on a suggestive aerial tour. Unfortunately, at the moment, the skyship collides with a building during the journey. This aspect means that the avatars climb on it finally falling.Another element that would be nice to see improved is the possibility to sit on the seats on the skyship. In the absence of this possibility, I remained standing, enjoying the view as far as possible (until the collision with the building I said earlier).The Mainstreet is an experience that deserves a visit. Not only to understand how far you can go in Sansar, but also because its structure and architectural choices make it a unique experience.Another part of the experience that I particularly enjoyed was the beach. A beautiful Ferris wheel and a carousel with white horses embellish it, giving remarkable realism. Unfortunately, the sore point is that even here there is no interaction, so you can not sit on the merry-go-round or the Ferris wheel.Despite the lack of interaction, I recommend visiting The Mainstreet and taking advantage of the guided tour on the skyship (standing up will not hurt us!).

 

 

 

Leggi in Italiano

Da qualche giorno sto esplorando Sansar che mi dà soddisfazione.

Come ho anticipato nel mio post intitolato “That’s why (now) I like exploring Sansar“, è importante non fare confusione tra Sansar e Second Life. Infatti, confrontare Second Life con Sansar significa penalizzare Second Life per la grafica e Sansar per l’interazione e semplicità di uso.

In questo momento mi trovo a The Mainstreet in Sansar. The Mainstreet è una esperienza.

In Sansar i progetti creati dagli utenti si chiamano “esperienze” ed equivalgono alle sim in SL. Con qualche differenza che illustrerò strada facendo. Per ora anticipo alcuni aspetti in modo schematico, in particolare:

  • Ogni utente può creare un massimo di 20 esperienze (gratuitamente);
  • Quando si entra in modalità creativa, ci si trova in un ambiente molto simile a quello dei principali software di modellazione, come Blender (giusto per fare un esempio):
  • Le esperienze si costruiscono in due modi:
    • acquistando oggetti dal Sansar Store, oppure
    • importando oggetti 3D dall’esterno in formato fbx;
  • L’esperienza è personale, questo significa che è possibile personalizzare la propria esperienza, ma non quella altrui.

The Mainstreet è l’esperienza creata da Alfy. Nella introduzione alla località che si trova su Atlas (l’equivalente di Second Life Destinations, lo showroom delle località presenti nella piattaforma) , il creatore scrive:

I built this city to see how far we can push in Sansar, but I think we have no limits 🙂
City NY LA San Francisco New York

Si tratta di una esperienza che ricorda le città menzionate, quindi New York, Los Angeles e San Francisco. Personalmente l’esperienza mi avvicina all’idea di San Francisco (città che amo).

Particolarmente interessante è la “skyship” che guida il visitatore in un tour aereo suggestivo. Purtroppo al momento la skyship collide con un palazzo durante il tragitto e fa cadere gli avatars che salgono su di essa. Un altro aspetto che sarebbe bello vedere migliorato è la possibilità di sedersi sulle sedute presenti sulla skyship. In mancanza di questa possibilità, sono rimasta in piedi, godendomi il panorama fin dove possibile (fino alla collisione col palazzo di cui ho detto poco fa).

The Mainstreet è una esperienza che merita di essere vista, non solo per capire fin dove ci si può spingere in Sansar, ma anche perché la sua struttura e le scelte architettoniche la rendono una esperienza unica.

Un’altra parte della esperienza che ho particolarmente apprezzato è la spiaggia. Una splendida ruota panoramica e una giostra con cavalli bianchi la abbelliscono, donando notevole realismo. Purtroppo la nota dolente è che anche qui manca l’interazione, quindi non è possibile sedersi sulla giostra né sulla ruota panoramica.

Nonostante la mancanza di interazione, consiglio di visitare The Mainstreet e di approfittare del tour guidato sulla skyship (stare in piedi non ci farà male!).

References

The Mainstreet by Alfy

Avatar

Oema

One thought on “The Mainstreet in Sansar

Comment

Back to top
%d bloggers like this: